programma


 
Abbiamo davanti una pagina nuova da scrivere. Pochi pensavano qualche anno fa che avremmo attraversato una crisi economica e anche politica così profonda e difficile. Ma dalle incertezze del presente può venire lo stimolo a fare di più e meglio, ritrovando le ragioni dell’impegno e della partecipazione per fare concretamente il bene delle comunità di Fiume, Bannia, Cimpello, Pescincanna e Praturlone.
Bisogna privilegiare scelte che concentrino le risorse su quello che davvero costruisce futuro e ricchezza condivisa per i cittadini di oggi e di domani. Ora è il tempo della competenza, del realismo, del cambiamento come inventiva e voglia di fare. Il nostro impegno è di dare efficacia alla gestione della cosa pubblica con provvedimenti efficienti.
Con Mauro Piva vogliamo mettere in campo idee, energie, reti, esperienze, collaborazioni. Ci impegniamo a fare un lavoro di squadra convinto, competente, aperto per trovare soluzioni ragionate ai problemi della nostra comunità. E' tempo di superare sterili e dannose divisioni e di ricreare un clima di collaborazione. Vogliamo dare concretezza alle buone idee da qualunque parte provengano.

Gli obiettivi della nostra proposta sono:

1) RIDURRE I COSTI DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE
Limitare i costi della politica riducendo la squadra di assessori da 6 a 4 con rinuncia totale da parte del sindaco e degli assessori ai rimborsi per le spese di telefonia mobile e di carburante.

2) TENERE SOTTO CONTROLLO TARIFFE E TRIBUTI
Con l'obiettivo  di ridurre l'aggravio sui cittadini; grande attenzione alla sostenibilità del bilancio; ridiscutere le condizioni di erogazione del servizio fornito dall'Acquedotto del Basso Livenza.

3) GARANTIRE I SERVIZI ALLE PERSONE
Monitorare e intervenire in tutte le aree sensibili (minori, anziani, disabili, nuove povertà, dipendenze)  per intercettare i bisogni e salvaguardare il sostegno alle famiglie.

4) TRASPARENZA ED EFFICIENZA
Massimizzare l’uso digitale dei documenti anche con utilizzo di software gratuito e libero ovunque sia possibile; valutare ed applicare quelle innovazioni informatiche e di risparmio energetico che consentano economie ed aumenti di efficienza delle strutture comunali.

5) IMPEGNARSI PER UNA SCUOLA DI QUALITA’
La scuola è il nostro futuro e vogliamo assicurare quantità e continuità nelle risorse per mantenere l’attuale piano dell’offerta formativa; realizzare iniziative di doposcuola che rappresentino una valida occasione di recupero; assicurare la continuità dei contributi da parte dell’amministrazione alle scuole dell'infanzia; mettere in sicurezza antisismica gli edifici scolastici, migliorando anche l'efficienza energetica.

6) RISPETTARE E PROTEGGERE IL TERRITORIO
Ripensare all’utilizzo eccessivo e disordinato del territorio non prevedendo nuove lottizzazioni; migliorare il paesaggio urbano incentivando recuperi e riqualificazioni del patrimonio edilizio esistente; realizzare opere pubbliche unicamente nel caso di disponibilità di risorse; impegnarsi prioritariamente nella manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture pubbliche esistenti.



IL PROGRAMMA______________________________


1) NO SPRECHI, ATTENZIONE AI COSTI E AI CONTI

·    limitare i costi della politica, riducendo la squadra di assessori da 6 a 4 con rinuncia totale da parte del sindaco e degli assessori ai rimborsi per le spese di telefonia mobile e di carburante;
·       vietare doppi incarichi politici al di fuori dell'amministrazione comunale;
·       valorizzare le risorse interne con meno consulenze esterne;
·       ridurre al minimo indispensabile le spese di rappresentanza;
·       inserirsi nella rete dei piccoli comuni per condividere esperienze innovative già fatte da altri;
·       comunicare attraverso la PEC e in digitale con aziende e professionisti;
·      migliorare l'efficienza della macchina comunale ottimizzandone l'organizzazione interna;
·    massimizzare l’uso digitale dei documenti, anche con utilizzo di software gratuito e libero ovunque sia possibile;
·    essere pronti a valutare ed applicare quelle innovazioni informatiche e di risparmio energetico che consentano economie ed aumenti di efficienza delle strutture comunali;
·       tenere sotto controllo imposte, tasse, addizionali, tariffe e tributi comunali con l'obiettivo  di ridurre l'aggravio sui cittadini;
·    attivarsi per la ricerca e l'ottenimento di risorse attraverso finanziamenti dell'Unione Europea a sostegno di iniziative locali.


2) MASSIMA TRASPARENZA

·    rendere di facile accesso le informazioni sull’uso dei fondi e sulla destinazione degli investimenti;
·       creare una bacheca (reale e virtuale) dove ogni cittadino possa segnalare suggerimenti o reclami;
·       rendere fruibile on line la tutta la modulistica comunale;
·    aggiornare regolarmente il sito comunale anche pubblicizzando scadenze, bandi ed avvisi generali;
·       creare un forum on line di cittadinanza incentrato su temi specifici;
·  usare il referendum consultivo per le questioni più importanti che coinvolgono la popolazione;
·       ascoltare la gente impegnandosi a raccogliere e considerarne le necessità;
·       aumentare i consigli comunali aperti per favorire la partecipazione dei cittadini.


3) LAVORO LAVORO LAVORO

·   svolgere un ruolo di supporto e promozione perché il lavoro rappresenta la più importante ricchezza per la comunità;
·       creare un osservatorio costante sulle realtà produttive per  avere il polso della situazione e dei bisogni delle categorie imprenditoriali, professionali, agricole, commerciali ed artigiane;
·    dare sostegno all’occupazione attraverso i voucher o con tutte le modalità disponibili (Lavori di Pubblica Utilità, Lavori Socialmente Utili, ecc.);
·       sviluppare il lavoro giovanile creando un collegamento costante per organizzare stage nelle aziende del territorio e offrire anche stage retribuiti presso le strutture comunali con l’obiettivo di far fare esperienza ai giovani certificandola con attestati;
·       promuovere politiche lavorative con particolare riguardo alla green economy;
·   lavorare per estendere in tutto il territorio comunale la banda larga (ADSL - internet veloce).


4) LA SCUOLA E’ IL NOSTRO FUTURO, PIU’ SCUOLA PIU’ FUTURO

·       impegnarsi per una scuola di qualità. E' a scuola che il paese cresce davvero e merita di trovare qualità e sicurezza. In tutte le nostre scuole (asili, primarie e medie) centinaia di bambini e ragazzi diventano grandi, maturano conoscenze, imparano il senso di comunità e vengono accolti insieme alle loro famiglie;
·     salvaguardare, aiutare, potenziare con i fatti la scuola perché rappresenta davvero un bene comune di cui essere orgogliosi e responsabili;
·      assicurare quantità e continuità nelle risorse per mantenere l’attuale piano dell’offerta formativa;
·   garantire i laboratori del pomeriggio e realizzare iniziative di doposcuola che rappresentino una valida occasione di recupero per i ragazzi in difficoltà e momenti di arricchimento e di tempo ben utilizzato per gli altri. Il servizio, supportato anche da studenti universitari e delle superiori, può diventare per i più grandi una prima esperienza formativa e un modo di contribuire ad ampliare gli orizzonti dei ragazzi delle medie;
·   sostenere la continuità di incontri informativi nelle scuole in collaborazione con l’Ambito e i medici di base su temi delicati come fumo, alcol, droghe;
·     mettere in sicurezza antisismica gli edifici scolastici, migliorandone anche l'efficienza energetica;
·       aiutare le famiglie a fronteggiare i costi delle rette dell'asilo nido;
·  assicurare la continuità dei contributi da parte dell’amministrazione alle scuole dell'infanzia;
·    rafforzare il coordinamento delle tre scuole materne creando sinergie in modo da contenere i costi delle rette;
·     migliorare l’offerta delle mense intervenendo sul contratto d’appalto e prevedendo una quota obbligatoria di prodotti a “km zero”.


5) CULTURA, STARE INSIEME, INCONTRARSI

·       fare della nuova biblioteca, grazie alla posizione centrale non solo un punto di accesso per studenti e amanti della lettura ma anche un riferimento privilegiato per chi vuole avere informazioni sulle attività culturali e ricreative in calendario. La biblioteca come casa della cittadinanza, luogo aperto in cui oltre a libri e computer, corsi e manifestazioni culturali possono trovare ospitalità forme gratuite di reciproco aiuto come ad esempio la banca del tempo;
·       ampliare e rendere possibile l’utilizzo autonomo dell’auditorium della scuola media per avere un luogo funzionale dove fare incontri, rappresentazioni teatrali, celebrazioni di eventi civici;
·       sostenere con orgoglio e con rinnovato vigore le associazioni sportive, culturali e le pro loco che hanno saputo con originalità creare occasioni di incontro e di socialità e che rendono la comunità viva e pulsante;
·       animare durante l’anno le piazze e la vita paesana creando occasioni di incontro e valorizzando l’area spettacoli nel parco del Palazzetto e presso le aree ricreative delle frazioni;
·       dare consulenza amministrativa alle associazioni;
·       aiutare le associazioni a fare rete per il paese;
·       organizzare eventi di carattere interculturale, ambientale e formativo.


6) CREARE COMUNITA’ E RAFFORZARE IL TESSUTO SOCIALE

·   monitorare e intervenire in tutte le aree sensibili (minori, anziani, disabili, nuove povertà, dipendenze)  per intercettare i bisogni e salvaguardare il sostegno alle famiglie in particolare nei casi di gravi problemi di salute o di disagio sociale;
·       lavorare per l’inclusione delle famiglie degli immigrati;
·       dare aiuto economico in buoni spesa alle famiglie in difficoltà;
·       ampliare l'utilizzo della Carta Famiglia;
·  sostenere il sistema di raccolta alimentare in collaborazione con la Caritas e i supermercati per distribuire quanto raccolto a soggetti e famiglie in difficoltà;
·       programmare attività per anziani di aggregazione e ricreazione;
·       dare il massimo sostegno alle associazioni di volontariato;
·       favorire e diffondere i Gruppi di Acquisto Solidale;
·       sostenere tutte le realtà parrocchiali, sportive e comunali di aggregazione giovanile;
·       promuovere la pratica sportiva per ogni ordine di età;
·       consolidare i legami con i paesi gemellati.
 

7) IL TERRITORIO E’ CASA NOSTRA

·   ripensare all’utilizzo eccessivo e disordinato del territorio non prevedendo nuove lottizzazioni;
·    dare un più alto livello di vivibilità e migliorare il paesaggio urbano incentivando recuperi e riqualificazioni del patrimonio edilizio esistente, subordinandolo al rispetto almeno della classe energetica B, ottenendo il doppio risultato di creare lavoro e risparmio;
·       privilegiare gli interventi in linea con scelte di risparmio energetico;
·       promuovere nuovi concetti di edilizia sociale agevolata;
·       realizzare opere pubbliche unicamente nel caso di disponibilità di risorse;
·      impegnarsi prioritariamente nella manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture pubbliche esistenti;
·    recuperare e valorizzare le aree di interesse storico-ambientale che potranno essere integrate nel completamento della rete viabile ciclopedonale;
·  puntare sulla razionalizzazione dell’impianto viario esistente piuttosto che nella costruzione di nuovi manufatti;
·       organizzare il “pedibus”, almeno per l’orario di ingresso a scuola;
·  conservare la nostra tradizione rurale valorizzando il patrimonio agrario e verde e sostenendo gli imprenditori del settore agricolo nel puntare su prodotti tipici e di qualità;
·       sostenere le attività delle squadre di Protezione Civile comunale;
·  monitorare costantemente il servizio di raccolta dei rifiuti urbani migliorandolo e rendendolo sempre più efficiente;
·    rispettare l'esito del recente referendum sull'acqua. L'acqua è un bene comune. Il servizio idrico è un servizio pubblico e senza fine di lucro e l'amministrazione deve, in tutte le sedi, operare con questo principio. Bisogna ridiscutere le condizioni di erogazione del servizio fornito dall'Acquedotto del Basso Livenza. Informare la cittadinanza sul nuovo servizio integrato ed organizzare incontri pubblici rivolti alle famiglie sul risparmio idrico.


UN PROGRAMMA APERTO, a cui anche tu puoi contribuire con le tue proposte scrivendo direttamente su questo blog, oppure via mail a mauropivasindaco@gmail.com , sulla pagina Facebook di Mauro Piva o semplicemente intervenendo durante le serate informative ogni Mercoledì dalle 20:30 presso la Botega dal Moro (da Renzo) in piazza a Fiume Veneto accanto all'ex latteria.


Fiume Veneto, 21 marzo 2013