martedì 23 maggio 2017

Lavorare per nuovi Regolamenti

Partirà... o ripartirà a breve anche l’attività della Commissione Comunale Regolamenti, presieduta dal Partito Democratico (l'unica commissione di prassi presieduta dall'opposizione, ndr).

Tanti sarebbero -potenzialmente- i Regolamenti comunali a cui occorrerebbe metter mano perchè vetusti e superati da nuove esigenze, ma a poco meno di 12 mesi dalle elezioni, occorre definire alcune priorità realisticamente realizzabili, come un Regolamento che disciplini l'uso, dopo le passate critiche, della sala polivalente della Biblioteca Civica, vera e unica "casa della cultura" di Fiume Veneto e poi, a seguire, la priorità dell'aggiornamento del Regolamento di Polizia Rurale. 

Spiega il presidente, Loris Padoani: “il lavoro di questa Commissione è molto importante: è il luogo giusto per confrontarsi con impegno e creatività per contribuire a migliorare servizi per i cittadini. 
Ho provveduto a convocare subito la Commissione, dopo che erano emerse delle specifiche necessità di rinnovo e adeguamento di alcuni Regolamenti; spero che si possa lavorare con spirito collaborativo così da ottenere un risultato utile per il nostro Comune.
La riunione di lunedì avrà uno scopo programmatico, in quanto mettere mano a Regolamenti complessi quali quello di Polizia Rurale richiede uno sforzo notevole. Occorrerà stabilire le priorità di intervento e sviscerare tutte le richieste che giungono dai cittadini, dalla maggioranza e dall'opposizione.”

Una nota negativa invece riguarda la gestione, da parte della Giunta Vaccher, della nomina dei Revisori dei Conti, che in questa occasione si è dimostrata una operazione

sabato 20 maggio 2017

La misteriosa impennata dei consumi elettrici pubblici

Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale di lunedì 15 maggio si è fatta luce (più o meno) sul singolare aumento dei consumi elettrici che ha visto nel 2016 un’impennata della spesa annua per la fornitura di energia elettrica dovuta all’illuminazione pubblica a 225.000euro, con un aumento del consumo da 999MWh a 1200MWh, registrando quindi rispetto agli anni 2014 e 2015 un balzo del 21%


Un dato anomalo che non è sfuggito al Gruppo Consiliare del Partito Democratico, che ha presentato una specifica interrogazione, discussa nel corso dell'ultimo Consiglio Comunale, per capire meglio le cause di questo aumento dei consumi.

“L’assessore Prosser nella sua prima risposta ha indicato i 160 nuovi punti luce quale motivo dell’aumento – spiega il capogruppo Loris Padoani – ma dopo la nostra controreplica in cui spiegavamo che i conti comunque non tornavano, essendo bizzarro che il 5% di nuovi punti luce provocasse un aumento del 21% (tra l'altro presumendo anche una migliore efficienza dei nuovi punti luce), è emerso invece che la causa di tale anomalia è l'entrata a far parte del patrimonio comunale dell'illuminazione dell'enorme parcheggio del Centro Commerciale "Emisfero"...

Svelato il mistero (su cui comunque ci stiamo ponendo delle domande) ora occorre che la Giunta cominci a

lunedì 1 maggio 2017

Una bella giornata di democrazia, avanti insieme!

Anche a Fiume Veneto il voto democratico delle Primarie ha premiato Matteo Renzi: hanno votato 191 persone, esprimendo 132 voti per Renzi, 58 per Orlando e una scheda nulla (la lista Emiliano non era presente in quanto non aveva raccolto le firme necessarie in provincia di Pordenone). Quindi, percentuali simili ai dati regionali e nazionali con una flessione rispetto ai risultati delle primarie svoltesi l’8 dicembre 2013 che avevano registrato 270 votanti, in una fase politica molto diversa da ora, ma comunque confermando una convinta e significativa partecipazione di cittadini che per tutto il giorno si sono recati al seggio allestito presso la palestrina della Casa dello Studente.

“Ringrazio davvero quanti credono nella partecipazione reale e democratica e hanno dato fiducia a un’idea di futuro scegliendo il leader della più grande forza progressista – sottolinea Giulio Pighin, Segretario del Circolo PD di Fiume Veneto – adesso ripartiamo, insieme, rilanciando un progetto riformatore che deve soprattutto contrastare valori e pratiche del centrodestra e dare invece cuore e gambe ad una politica che vuole bene amministrare e ha le competenze e le persone per farlo. A livello nazionale così come a livello locale”

Abbiamo parlato con i cittadini che sono venuti al seggio durante una bella domenica di sole – conclude Pighin – c’è voglia di partecipazione e il Partito Democratico ha raccolto

venerdì 21 aprile 2017

Primarie PD del 30 aprile, finalmente si riparte

Ancora pochi giorni e tesserati ed elettori di centrosinistra potranno votare per scegliere il prossimo segretario del Partito Democratico. Quello del 30 aprile è un voto molto importante, fondamentale perché si sceglie non solo una persona, ma una squadra con una ben precisa idea di futuro. Una squadra con un capitano che dovrà guidare la più grande forza progressista italiana.

Il Partito Democratico è al momento l’unica formazione politica italiana che crede nella partecipazione democratica reale e tangibile, e affida alle cittadine e ai cittadini la scelta del suo leader. E' una scelta di grande responsabilità ed è giusto che decisioni come questa non vengano prese con pochi click di un mouse, seduti davanti ad un computer, ma siano il frutto di una partecipazione la più larga possibile. 

Se pensiamo che ci sia ancora bisogno di un forte cambiamento e di rilanciare  un progetto politico riformatore popolare (ma non populista), facciamo la nostra scelta partecipando alle primarie del PD e votando per Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano.

A Fiume Veneto il seggio sarà aperto presso il Palazzetto dello Sport, dalle 8 alle ore 20
Potranno votare i cittadini italiani e stranieri che abbiano compiuto 16 anni e che dichiarino "di riconoscersi nella proposta politica del Partito Democratico".

Per i giovani tra i 16 e i 18 anni, per gli studenti e i lavoratori fuori sede, per i cittadini UE residenti in Italia e per i cittadini di altri Paesi con permesso di soggiorno è obbligatorio però pre-registrarsi sul sito www.primariepd2017.it
La registrazione dev’essere effettuata entro le ore 12:00 di giovedì 27 aprile. Una volta effettuata va stampata la ricevuta dell’avvenuta registrazione online, da esibire al seggio prima del voto.

Per votare bisogna recarsi al seggio con un documento d'identità, la tessera elettorale o la registrazione online. Il voto si esprime tracciando un segno su una delle liste collegate al candidato segretario prescelto. Al momento del voto, per i non iscritti al PD, verrà richiesto un contributo minimo di 2 euro.

Domenica 30 aprile aspettiamo al seggio di Fiume Veneto tutti i concittadini che abbiano voglia di essere protagonisti attivi, e non solo spettatori inermi, del proprio futuro.

lunedì 3 aprile 2017

Consiglio Comunale 2: riproviamoci

Dopo mesi di basso profilo e a distanza di sole 2 settimane dall'ennesimo Consiglio Comunale Record (record di brevità e inutilità), finalmente si è svolto un Consiglio vivo e dibattuto, complici gli argomenti importanti all'ordine del giorno: il Bilancio 2017 e approvazione del Piano Illuminazione Pubblica. Peccato che -come accade spesso- la Giunta abbia presentato ai Consiglieri il materiale all'ultimo momento, e a rate, nonostante solo due settimane prima ci fosse stato un altro Consiglio con un ordine del giorno praticamente inesistente.
Abbiamo fatto osservare, per l'ennesima volta, sia in sede di Commissione che in Consiglio Comunale, come tale metodo di lavoro porti, per la fretta, a compiere solamente un lavoro di analisi parziale, che necessariamente richiederà uno sforzo ulteriore per porre rimedi in un secondo momento.

PRIC e IUC (luci ed ombre)
Niente scherzi... sono solo le sigle di Piano Regolatore Illuminazione Comunale e Imposta Unica Comunale.
Del primo abbiamo condiviso l'importanza e la necessità di riprogrammare il sistema di illuminazione del nostro Comune (basti pensare che anche quando la giunta si affidava alle lampade ai vapori di sodio, noi già suggerivamo -in linea con centinaia di comuni italiani- di investire sui LED). In fase di discussione in Commissione abbiamo proposto di aggiungere le indicazioni, per il prossimo futuro, di tutte quelle buone pratiche e di tutte le migliori tecnologie attualmente a disposizione. 
In particolare abbiamo proposto, principalmente, di differenziare l'illuminazione nelle diverse ore notturne e nelle diverse aree di traffico e di mettere come linea guida l'utilizzo della rete di illuminazione in abbinamento al traffico dati bidirezionale, come già avviene nelle realtà più virtuose.
Siamo ben consci delle difficoltà e dei costi di investimento ma riteniamo che le linee guida debbano fornire il più ampio spettro di possibilità al prossimo progettista che dovrà affrontare il tema. Dalla Giunta c'è stata una sostanziale apertura e ci è stato promesso che saranno tenute in debito conto le nostre proposte, tuttavia i tempi stretti non hanno permesso di inserirle nel documento presentato al Consiglio, ma l'inserimento verrà fatto prima della adozione del PRIC.
Nel frattempo quindi, i Consiglieri PD si sono fiduciosamente astenuti, memori del detto “pagare moneta, vedere cammello”.

TASSE
Le note dolenti arrivano con il Regolamento IUC che, tra le altre cose, definisce le categorie che hanno diritto alle detrazioni sulla tariffa di smaltimento dei rifiuti. Proprio qui, con le altre Opposizioni, abbiamo con forza sostenuto la necessità di operare con tempi più lunghi senza giungere frettolosamente ad un testo, che già adesso, pur essendo già stato approvato, richiede di essere corretto.
Purtroppo questa Giunta ha già mostrato come sia priva di un vero metodo di lavoro e come spesso giunga in affanno alle scadenze, portando a termine il lavoro in modo mediocre e insoddisfacente. 
Infatti ancora una volta si è arrivati a discutere il testo del Regolamento in fretta e furia, quando poteva benissimo essere anticipato di qualche settimana, se solo se ne avesse avuto la volontà politica.

LE VITTORIE DEL PD
Nonostante tutto, il PD fiumano in Consiglio è comunque riuscito a ottenere due importanti modifiche al Regolamento che ora riteniamo più equo rispetto alla

lunedì 27 marzo 2017

la strada verso le Primarie

Primarie in vista
La strada verso quella festa di vera democrazia dal basso che è rappresentata -unico esempio in Italia- dalle Primarie del prossimo 30 aprile, è iniziata giovedì 23 scorso anche a Fiume Veneto.
Durante l'Assemblea di Circolo si sono svolte le votazioni per la scelta dei Delegati che rappresenteranno i tesserati fiumani del PD al Congresso prima Provinciale e poi Nazionale. 
In base al numero di iscritti del 2016 e alle percentuali di voto ottenute dalle 3 mozioni (Emiliano 3%, Orlando 19% e Renzi 77%) il Circolo fiumano esprimerà all'assemblea provinciale 4 delegati, di cui 3 a sostegno della candidatura di Renzi e 1 a quella di Orlando.
Percentuali, quelle appena citate, che non dicono molto al momento, se non una tendenza locale a credere ancora nella persona e nel programma che l'ex-segretario Renzi ha presentato al popolo dei Democratici.

Le difficoltà di fare politica oggi
Più in generale, a livello di Circolo, per il 2016 (e inizio 2017) si conferma un lieve calo degli iscritti dovuto, da un lato, alle scelte politiche "forti" di un PD al Governo e, dall'altro, ad un manifesto distacco dei cittadini da qualsiasi forma associativa di impegno civile (partiti, associazioni, proloco, ...).
Quello di ieri sera è stato un passaggio che ha confermato un equilibrio interno al Circolo, in cui ovviamente sono presenti varie anime e sensibilità, che si era ristabilito dopo lo scossone pre-elettorale del 2013 con dipartite autorevoli e relative emorragie di tessere.

Chi si sporca le mani
Quella di giovedì sera è stata una (piccola) cerimonia, importante per la democrazia così come la intendiamo noi, dove veramente #unovaleuno e dove si decide alla luce del sole che tipo di futuro e di programmi vogliamo. 
Una serata in cui le persone si vedono, si parlano e si confrontano... sapendo che alla fine qualcuno avrà la responsabilità di "mettersi in testa al gruppo".
Pensare alla Politica come un insieme di sondaggi interattivi dove vince il più clikkato o il

mercoledì 22 marzo 2017

Scegliere è sempre un’opportunità di democrazia

Nell'epoca in cui alcuni predicano il vangelo della democrazia (elettronica) dal basso, al grido (elettronico) di "hashtag_uno_vale_uno", il Partito Democratico è ancora un partito reale e radicato, con le sue regole, le sue tessere ed i suoi riti.
Non ci sono principi, padroni, lider-maximi o garanti che comandano e decidono a seconda dei sondaggi o a seconda di cos'hanno mangiato la sera prima. Nonostante l'immagini negativa che M5S e populisti vari cercano di dipingere, il PD è ancora il maggiore partito italiano (sicuramente tra quelli democraticamente gestiti) in cui valgono regole chiare e democratiche.
Nelle prossime settimane si procederà al rinnovo del Segretario, quindi in vista del Congresso Nazionale, anche gli iscritti del Circolo PD di Fiume Veneto saranno chiamati a scegliere tra 3 candidati alla Segreteria: Emiliano, Orlando e Renzi.
L'assemblea dei tesserati si terrà giovedì 23 marzo alle 20:30 presso l’ex Latteria di Praturlone, e rappresenta primo passaggio elettivo in vista del Congresso Nazionale, che si concluderà con le Primarie (aperte a tesserati e non) del 30 aprile 2017 per l’elezione